a cura di Girolamo Monaco, educatore
bionarrazione@virgilio.it - www.bionarrazione.jimdo.com

Calendario

Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
 << < > >>
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatore: 1

Avviso

09 Ago 2016 - 12:59:42

LA STORIA DEL MIO AMORE SOGNATO

Quando tornavo a casa a volte ero triste ma poi arrivava la mia nipotina che mi faceva passare tutto, bastava un suo sorriso per farmi cambiare l’umore. Il mio amore è lei, una bambina di quattro anni, la sua spensieratezza e la sua allegria mi danno la forza  per andare avanti.

L’amore mi ha tolto, ma anche mi ha dato, quello più grande è quello che mi sa dare solo mia mamma. Pensavo che lei fosse l’unica persona importante della mia vita, lei non mi ha mai abbandonato nonostante i miei errori. Ho sbagliato e sto pagando, ma grazie a mia mamma non mi sono mai sentito solo. Mai mi ha abbandonato. Mi ha sempre aiutato a resistere.


Cara mamma mi manchi, il tuo pensiero per me è la vita, quando cucini, tu sei la principessa della cucina. Tu crei cose che non hanno confronto, perchè tutto quello che fai lo fai con amore.


Mamma tu sei il mio passato, il mio presente e il mio futuro.

Ho perso un amore e non lo ritrovavo in nessun altra ragazza. Mi fidanzavo ma
senza essere innamorato. Mi immaginavo la mia ragazza bella, intelligente, tranquilla, cordiale con tutti, ma soprattutto amorevole con la mia famiglia, perché la bellezza finisce e l’amore continua.

L’amore nasce nella libertà e quando mi sono sentito libero ho iniziato a risentire battere il mio cuore. Ma ora sono chiuso e il mio cuore batte solo nel ricordo, oppure, se sono fortunato, un'ora la settimana.

In carcere io sto bene solo quando mangio. Io sono come un sacco che si riempie di tutto, e poi si svuota, e poi si riempie ancora.


Scusami, amore mio, ma in carcere l'amore non si può descrivere, io non ce la faccio.



La mia donna è la mia vita, una vita fatta di piccoli e grandi problemi che ogni giorno affrontiamo insieme. Questa donna mi dà la felicità, mi rispetta, mi vuole bene.


Poi c’è un altro amore eccezionale quello che ho provato quando è nata la mia principessa, mia figlia, lei mi ha dato tutto nella vita. Sentirsi chiamare papà, svegliarsi la mattina con lei che ti abbraccia è come se stessi vivendo un sogno perché non c’è cosa più bella dell’amore per un figlio.


Solo l'amore riesce a cambiare il ritmo dei battiti del cuore.


Solo così sono riuscito a alimentare la speranza.


Solo così può passare il buio di questo carcere, attraversare questo maledetto muro, superare questo tempo interminabile.

Mi uccide stare lontano dalle persone che amo.


Vorrei essere una lacrima per nascere dai tuoi occhi, scorrere sul tuo viso e morire sulle tue labbra.

Mi mancate troppo, non vedo l’ora di svegliarmi con le tue piccole mani sul collo, sentire il tuo odore, il tuo amore per il resto della mia vita.


Admin · 143 visite · 0 commenti
Parole chiave (tag): Parole chiave (tag) amore

Link permanente al messaggio intero

http://narrazioni.blogattivo.com/narrazioni-b1/LA-STORIA-DEL-MIO-AMORE-SOGNATO-b1-p199.htm

Commenti

Niente Commento per questo post ancora...


Lascia un commento

Statuto dei nuovi commenti: Pubblicato





Il tuo URL sarà visualizzato.


Prego inserisci il codice contenuto nelle immagini


Testo del commento

Opzioni
   (Imposta il cookie per nome, email e url)